Bioedilizia – Un nuovo modo di costruire casa

Case in bioedilizia Palermo

Un nuovo modo di costruire ed abitare: La casa in bioedilizia

Fin dall’antichità ogni essere vivente è sempre stato influenzato dall’ambiente in cui vive. L’uomo e la natura risultano, infatti, organismi che devono necessariamente essere considerati in maniera integrata.

Se nel passato ci si confrontava soprattutto con l’ambiente esterno, oggi l’uomo moderno è portato a trascorrere la maggior parte del suo tempo all’interno di un ambiente chiuso da delle mura, riducendo notevolmente il contatto con l’ambiente esterno.

Gradualmente si è osservato come ci si sia sempre più allontanati dall’utilizzo di materiali offerti dalla natura per far posto invece a quelli forniti dalla chimica e dalla tecnologia: le case vengono costruite principalmente in cemento, acciaio, vetro; i materiali isolanti utilizzati sono sempre più di origine sintetica e anche le superfici interne risultano spesso trattate con prodotti chimici.

Questo ha portato alla restituzione di un ambiente creato artificialmente dall’uomo, in cui esso stesso non è in grado di controllarne gli effetti negativi.

La casa in cui abitiamo può essere definita come una terza pelle. Il suo compito è quello di proteggere e garantire la salubrità delle persone che vi vivono all’interno.

Affinché si riesca a realizzare un tipo di ambiente sano ci viene incontro la bioedilizia.

Che cosa è la bioedilizia?

La bioedilizia ha per scopo quello di produrre strutture che garantiscano il rispetto dell’ambiente e del benessere dell’uomo determinando quindi il minimo impatto ambientale grazie all’ausilio di materiali naturali, tecnologie e metodologie progettuali che risultino compatibili all’ambiente naturale che ci circonda.

Viviamo in un’epoca in cui vi è sempre più la consapevolezza che ogni operazione costruttiva comporti un forte impatto ambientale; per questo motivo la realizzazione di case in bioedilizia, utilizzando materiali naturali che non danneggiano la salute, risulta l’alternativa più consapevole per chi si presta ad abitarle e a garantire un futuro più sano per le generazioni future.

La nascita della bioedilizia e la sua filosofia

Il filone ideologico che sta alla base della bioedilizia nasce in Germania quando, alla fine degli anni Settanta, si assiste ad una forte crisi energetica che colpì tutte le parti del mondo causata dell’uso spropositato di prodotti per l’industria chimica.

Per affrontare al meglio questo tipo di situazione moltissimi studiosi cominciano ad interessarsi e a studiare nuove fonti energetiche (capaci di rifornire al meglio le abitazioni) e a diffondere queste nuove idee in tutto il mondo, in modo da cominciare a mostrare un atteggiamento più sensibile e consapevole nei confronti del pianeta preferendo l’utilizzo di fonti di tipo solare rispetto al petrolio.

In un contesto culturale del genere, anche l’Italia si trova finalmente costretta a fronteggiare la questione sull’efficienza energetica nel settore edile.

quest’ultimo è infatti ritenuto il maggior responsabile del consumo energetico stimando:

  • circa il 45% dell’energia prodotta per essere utilizzata nello stesso settore
  • il 50% di risorse naturali sottratte per la produzione di materiali
  • un conseguente quantitativo di rifiuti elevatissimo

Da questi dati si comprende l’importanza di vivere in ambienti che siano biocompatibili e che rispettino il mondo che ci circonda.

Sarà meglio optare quindi per l’utilizzo di materie prime di facile reperimento che necessitano di un minore dispendio di energia per la loro lavorazione e che non determinano rischi per la salute dell’uomo.

Per questo motivo la bioedilizia risulta strettamente collegata all’architettura sostenibile e alle idee ecologiste. Questi due aspetti stanno proprio a capo della sua filosofia riconoscendo che il nostro pianeta viene considerato come un sistema avente risorse limitate.

Quali caratteristiche deve avere una casa in bioedilizia?

Si sa, la salute è un bene prezioso che deve essere custodito; per questo motivo è necessario, soprattutto al giorno d’oggi, effettuare uno studio sul rapporto casa-uomo operando una continua ricerca su un modo di abitare sempre più ecologico in maniera tale da ricostruire l’equilibrio tra abitazione e natura assecondando i veri bisogni dell’uomo.

Progettare una struttura in bioedilizia significa innanzitutto permettere un contatto continuativo tra l’ambiente interno e quello esterno, per ricevere da quest’ultimo tutti gli elementi indispensabili al mantenimento della salubrità della vita.

Per la definizione di un progetto in bioedilizia risulta quindi indispensabile:

  • la formazione di un gruppo competente che, avvalendosi di tutte le figure professionali quali urbanisti, architetti e ingegneri riesca, attraverso l’unione di tutte le conoscenze, a predisporre soluzioni innovative e sostenibili attenzionando soprattutto l’esposizione, il dimensionamento degli ambienti e la scelta dei materiali, prediligendo quelli di tipo naturale;
  • considerare il sito geografico dove verrà realizzato il progetto in bioedilizia, studiandone il terreno, la differenza di quote, l’orientamento, la disposizione degli edifici circostanti e della natura presente al fine di adattare la nuova struttura al clima, alla vegetazione e all’illuminazione di quel luogo;
  • Operare una scelta consapevole dei materiali che verranno utilizzati nella costruzione della struttura, che siano quindi efficienti, naturali e che non danneggino l’ambiente;
  • Ridurre al minimo il consumo energetico risparmiando sia in denaro ma soprattutto in emissioni di gas;
  • Garantire il comfort dell’utenza nel campo visivo, acustico, termico, definendo un luogo sano in cui vivere.

Conclusioni: Case in Bioedilizia

Come abbiamo potuto osservare risulta di fondamentale importanza la consapevolezza di riuscire a diminuire l’uso delle risorse non rinnovabili in modo da sostituirle interamente con quelle energetiche.

E, se da un lato la realizzazione di abitazioni in bioedilizia, richiedendo personale specializzato e nuove tecniche costruttive, possono comportare una spesa maggiore, dall’altro questi processi possono essere considerati come un investimento per il futuro, traducibile in risparmio concreto: un buon isolamento, così come una migliore illuminazione, determina un sostanziale ammortizzamento dei costi iniziali rispetto al risparmio energetico ottenuto.

Puoi contattare tranquillamente noi, Impresa Edile Sicilia, per quanto riguarda una consulenza gratuita e senza impegno in merito alla progettazione e realizzazione di una casa in bioedilizia.

Potrebbe interessarti anche

Bonus Fiscali sulle ristrutturazioni 2019
Classi energetiche edifici
Pulizia vetrate in quota Palermo
Sindrome da sospensione inerte nei lavori in quota
Pareti in verde verticale Palermo
dimensionamento fosse imhoff palermo
Case a risparmio energetico Palermo
Carotaggio: tutto quello che occorre sapere
DPI per lavori in quota